Studio SALES di Norberto Ruggeri

Post

Mario Airò, nato a Pavia nel 1961, ha iniziato la sua formazione artistico-culturale frequentando lAccademia di Belle Arti di Brera e le lezioni di Luciano Fabro. Insieme ad altri artisti della sua generazione da vita nel 1989 allo spazio espositivo auto-gestito di via Lazzaro Palazzi e alla rivista Tiracorrendo. Tra i gruppi milanesi nati in questi anni, più degli altri, quello di via Lazzaro si distingue in modo particolare trovando riscontro anche a livello internazionale. Ciò che caratterizza Airò è luso di materiali diversi che, spesso, generano associazioni incomprensibili poiché non rispondenti ad una logica gerarchica e ad una processualità precisa. Sono, infatti, vicine ai percorsi irregolari onirici come a quelli della memoria e dei sentimenti. Il senso dellopera emerge se visto nel suo insieme, volgendo lo sguardo alla relazione tra le cose e non focalizzandosi sui singoli elementi.
Ecco che luso simultaneo di immagini, testi, suoni e fonti luminose hanno un effetto incantatorio e seducente che trasforma gli ambienti espositivi in spazi mentali avvolgenti ed irreali, inducendo nello spettatore stati danimo e sensazioni fortemente emotivi. Mario Airò si è subito imposto allattenzione della critica non solo italiana; infatti la sua partecipazione ad importanti rassegne nazionali ed internazionali risale già ai suoi esordi, garantendogli riconoscimenti critici di alto livello, che lo hanno portato a partecipare con i più noti e ormai storicizzati artisti contemporanei di tutto il mondo alla Biennale di Venezia del 2005 e del 1997. Ha esposto in Italia e allestero: al GaMeC di Bergamo, 2009, al Higher Institute of Fine Arts di Gent, 2008, al Palazzo Reale di Milano, 2008, al Museion di Bolzano, 2007, alla Fondazione Sandretto Redebaudengo di Torino, 2005, al GAM di Bologna, 2005, al Palazzo della Triennale di Milano,, 2004, al Museum of Contemporary Art di Tokyo 2001, allo S.M.A.C.K. di Gent, 2001 e al Castello di Rivoli nel 2000. Lartista vive e lavora a Milano.
Mario Airò was born in Pavia in 1961. He started his cultural and artistic education by attending the Accademia di Belle Arti di Brera and in particular the lessons of Luciano Fabro. In 1989, with other artists of his generation, he created the self-managed exhibition area via Lazzaro Palazzi and the Tiracorrendo review. Other artisic groups emerged in those years in Milan but only via Lazzaro had an international identification. What distinguishes Airòs work is the use of various materials, generating complicated associations that do not respond to a hierarchical logic or to a precise development. His productions remind the irregular structure of dreams, of memory and of emotions. The sense of the creation is more evident when it is observed as a whole, reflecting on the relation between elements and not focalising on the single details. The simultaneous use of images, text, sounds and light sources have an incantatory and seductive effect, transforming the exhibition area in an absorbing and visionary mental space that induces the spectator in strongly emotional frames of mind. Since the beginning Mario Airò has asserted himself to the international critique participating to the most important national and international exhibitions. Airò has received important awards and participated in 2005 and in 1997 at the Venice Biennial. He has exhibited in Italy and abroad: at MAXXI, Roma, 2011, at MUSEION, Bolzano, 2011, at Fondazione Hangar Bicocca, Milano, 2011, at MAXXI, Roma, 2010, at MART, Rovereto, 2010, at Castello di Rivoli, Rivoli, 2010, at GaMeC, Bergamo 2009, at the Higher Institute of Fine Arts, Gent 2008, at Palazzo Reale, Milan 2008, at Museion, Bolzano 2007, at the Fondazione Sandretto Redebaudengo, Torino 2005, at GAM, Bologna 2005, at Palazzo della Triennale, Milan 2004, at the Museum of Contemporary Art, Tokyo 2001, at S.M.A.C.K., Gent 2001 and at the Castello di Rivoli in 2000. The artist lives and works in Milan.  

 

Mario Airò , Airò

 

Mario Airò , Ling

Mario Airò , Ling

Mario Airò , Ling 2011

Mario Airò , Cuma 2011

Mario Airò , Vuoto cavo 2011

Mario Airò , La dottrina zen del vuoto mentale,  2011

Mario Airò , Amour fou,  2009

Mario Airò , Vuoto cavo ,2011

Mario Airò , Amour fou,  2009

Mario Airò , Dolmen , 2005